Vendite auto Ue a ottobre -1,8%

Bruxelles (Belgio), 16 nov. (LaPresse) - Ad ottobre in Europa, escluse Cipro e Malta, le vendite di auto nuove sono calate dell'1,8% arrivando a quota 1.005.976 unità. Nel 2011 finora il totale di auto vendute è di 11.126.436 con un calo dell'1,2%.

Fiat come brand cala ad ottobre del 13,5% arrivando a 48.116, un calo compensato in parte dalla crescita di Lancia che dal 2011 conta anche su Chrysler, con i due bran che insieme arrivano a 8.098 consegne in crescita del 16,7%. Alfa Romeo continua la sua caduta libera -20,2% a 8.251 vetture vendute, bene Jeep che supera quota 2mila (+145,3%) mentre calano del 55,5% Maserati e Ferrari.

Dall'inizio dell'anno il gruppo Fiat segna un calo dell'11,9% nelle vendite europee arrivando a quota 802.414. Fiat da sola arriva 581.379 in calo del 17,3%. In ottobre, nell'Europa dei 27 più le nazioni aderenti all'EFTA, Fiat Group Automobiles (Jeep inclusa) ha immatricolato quasi 69 mila vetture. La quota è del 6,6 per cento, con un trend negli ultimi mesi di lieve e costante crescita, essendo aumentata rispetto al 5,8 per cento di agosto 2011 e al 6,5 per cento di settembre 2011. "Il risultato resta comunque influenzato dai dati provenienti del mercato italiano, che è di riferimento per Fiat Group Automobiles" si legge in una nota diffusa dal Lingotto. "Nei primi dieci mesi dell'anno le vetture vendute da FGA sono oltre 818 mila, per una quota del 7,1 per cento. Tra i principali mercati europei, va segnalato il risultato ottenuto in Germania, dove nel progressivo annuo Fiat Group Automobiles immatricola più di 86 mila vetture (il 4,4 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2010) e registra una quota del 3,2 per cento" aggiunge il Lingotto.

Volkswagen si conferma il primo gruppo europeo nelle vendite di auto ad ottobre, stando ai dati Acea. Crescono tutti i marchi del gruppo tedesco che raggiunge quota 239.633 (+3,7) e nel 2011 arriva a 2,579.773 (+7,5%), circa tre volte la Fiat. La migliore performance è quella di Seat (+6,3%), segno che il marchio spagnolo non paga dazio del calo di vendite nel suo Paese, bene anche VW (+4,7%) e Audi (+1,9%). Il gruppo Psa, che comprende Peugeot e Citroen, si conferma al secondo posto in Europa a quota 124.839 vetture vendute pur registrando un calo del 6,4% a ottobre, -7,6% dall'inizio dell'anno. Seguono Renault (-2,3%), GM (-3,6%), Ford (+5,7%), Fiat, Bmw (+1,4%), Daimler (-10,1%), Toyota (-10,9%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata