Usa, minute Fed: Preoccupazione per gravità recessione Covid

Washington (Usa), 1 lug. (LaPresse/AP) - I membri della Fed, che hanno deciso lo scorso giugno di lasciare i tassi invariati, hanno espresso preoccupazione per la gravità della pandemia provocata dal coronavirus, sostenendo che il calo dell'attività economica a primavera sarà probabilmente il più rapido dal periodo post seconda Guerra Mondiale. È quanto emerge dal verbale dell'ultima riunione di politica monetaria della Banca centrale Usa. I funzionari della Fed hanno notato che la crisi "non sta avendo ricadute uguali su tutti gli americani". Per i membri del Fomc il forte aumento della disoccupazione è stato particolarmente grave per i lavoratori con salari più bassi, le donne, gli afroamericani e gli ispanici. I funzionari si aspettano infine che i tassi rimangano vicino allo zero fino al 2022.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata