Usa, disoccupazione ferma al 5,1% a settembre, solo +142mila posti

Washington (Usa), 2 ott. (LaPresse/Reuters) - La disoccupazione negli Stati Uniti è rimasta stabile al 5,1% a settembre rispetto ad agosto, con l'economia statunitense che ha generato 142 mila nuovi posti di lavoro nel mese. Lo riferisce il dipartimento del Lavoro. La disoccupazione resta dunque ai minimi dall'aprile 2008. Gli analisti si aspettavano un tasso fermo al 5,1% e la creazione di 203 mila nuovi posti a settembre.

I datori di lavoro statunitensi hanno tirato il freno sulle assunzioni negli ultimi due mesi e i salari si sono abbassati a settembre. Il governo Usa ha rivisto nettamente al ribasso anche i dati sui nuovi impieghi pubblici e privati non agricoli di agosto, portandoli ad appena 136 mila. L'aumento del bimestre è ai minimi da oltre un anno e potrebbe alimentare i timori che un rallentamento della Cina pesi sull'economia degli Stati Uniti.

La maniffatura Usa ha bruciato 9 mila posti di lavoro a settembre e 18 mila ad agosto e in 350 mila a settembre sono usciti dal computo della forza lavoro, con un tasso di occupazione in discesa. I salari orari medi sono diminuiti di 1 centesimo a 25,09 dollari nel corso del mese, pur crescendo del 2,2% su base annua.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata