Unicredit, utile netto 2014 a 2 mld, dividendo balza del 20%

Milano, 11 feb. (LaPresse) - Unicredit ha chiuso il 2014 con un utile netto di 2 miliardi di euro e ricavi in calo del 3,5% a 22,5 miliardi. Nel quarto trimestre il risultato netto è stato pari a 170,4 milioni di euro (-76,4%), mentre i ricavi hanno registrato una flessione su anno del 3,4% a 5,6 miliardi. Aumenta la cedola. Lo scrip dividend, ovvero in azioni o a richiesta in contanti, di Unicredit per il 2014 è atteso a 12 centesimi di euro per azione (+20,0%) con un pay-out ratio del 35%. "Escludiamo qualsiasi operazione straordinaria, non c'è nessuna esigenza di aumento di capitale", ha precisato l'amministratore delegato Federico Ghizzoni, in merito alle voci circolate sugli organi di stampa. L'a.d. ha dichiarato ancora che "nel 2014 abbiamo mantenuto gli impegni che avevamo assunto. Malgrado il contesto macroeconomico molto difficile, l'obiettivo di 2 miliardi di utile netto è stato raggiunto, il turnaround dell'Italia è ampiamente concluso, in tutti i Paesi in cui operiamo assicuriamo un importante sostegno all'economia". Il Commercial Bank Italy si conferma primo contributore all'utile di Unicredit nel 2014, seguito da Cee & Polonia e da Cib. In merito agli indici patrimonali, il Cet1 transitional a fine 2014 di Unicredit si attesta al 10,41% ed il fully loaded al 10,02%. Il Tier1 ratio ed il total capital ratio transitional si attestano all'11,26% ed al 13,63%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata