Unicredit, piano strategico su costi e utili taglio di 18.200 dipendenti in Europa

Milano, 11 nov. (LaPresse) - Unicredit nel suo nuovo piano strategico prevede di tagliare entro la fine del 2018 18.200 sui dipendenti. In tale numero sono compresi anche i 6000 addetti relativi alla cessione in Ucraina di Ukrsotsbank, ed il pieno sviluppo della joint venture con Santander relativa a Pioneer. In totale il piano riguarda il 14% della forza lavoro del gruppo a fine 2014, e riguarderà i centri direzionali, dove è previsto un taglio del 17% della forza lavoro, e la parte commerciale di Italia, Germania ed Austria, insieme ai Paesi del centro Europa, dove è previsto un taglio del 9% del personale. A fine 2018 si punta ad avere un totale di 111mila addetti.

Commercial Bank Italy, Germany e Austria continueranno a ridurre il numero di filiali di circa 800 unità entro il 2018, dopo aver già realizzato una riduzione di 928 filiali da gennaio 2014 a settembre 2015. I costi di integrazione relativi alle iniziative di riduzione del personale ammontano a circa 1 mld, al lordo delle imposte, e saranno contabilizzati principalmente nel 2015.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata