Unicredit, accordo con Amundi per vendita Pioneer per 3,54 mld
Il gruppo bancario riceverà un dividendo straordinario pari a 315 milioni

UniCredit ha sottoscritto un accordo vincolante per la cessione di Pioneer ad Amundi, con l'esclusione delle attività di Pioneer in Polonia. L'accordo prevede il pagamento in cassa da parte di Amundi di un corrispettivo pari a 3,545 milioni per l'acquisizione di Pioneer. In aggiunta, UniCredit riceverà da Pioneer, prima della chiusura dell'operazione, un dividendo straordinario pari a 315 milioni. L'impatto positivo sul Cet1 di UniCredit è stimato in circa 78 punti base. L'odierno annuncio fa seguito all'avvio del negoziato in esclusiva annunciato in data 5 dicembre.

L'operazione, spiega una nota, rappresenta un ulteriore importante risultato della review strategica di gruppo in corso, rivolta a rafforzare ed ottimizzare la struttura di capitale del gruppo, migliorarne la redditività e mantenendo allo stesso tempo la flessibilità strategica necessaria a cogliere le opportunità di creazione di valore. Come parte dell'operazione, UniCredit ed Amundi formeranno una partnership strategica per la distribuzione di prodotti di risparmio gestito in Italia, Germania ed Austria consolidata da un accordo distributivo di durata decennale.
L'operazione genererà una plusvalenza netta per UniCredit a livello consolidato pari a 2,2 miliardi nel 2017. L'operazione è soggetta all'ottenimento delle necessarie approvazioni da parte delle autorità di vigilanza e antitrust. La chiusura dell'operazione è attesa entro la prima metà del 2017.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata