Ue, Padoan: Qe essenziale contro deflazione, non va diluito

Roma, 17 gen. (LaPresse) - "L'Europa riconosce e incentiva la nostra strategia fatta di riforme e di investimenti". Lo afferma il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in un'intervista rilasciata al 'Sole 24 ore' spiegando di avere chiesto che "si investa prioritariamente nelle zone particolarmente colpite dalla crisi, laddove gli investimenti sono caduti di più". Per la prossima settimana è atteso il Quantitative easing (creazione di moneta e sua iniezione nel sistema finanziario ed economico) da parte della Bce, qual è l'opinione di Padoan a riguardo? "Il Qe è un contributo essenziale contro la deflazione, non va assolutamente diluito". "Siamo davanti a un esperimento nuovo. È la prima volta - aggiunge Padoan - che un Quantitative easing viene attuato in un sistema fatto ancora da paesi diversi. Spero che le frammentazioni nazionali non influiscano. Conta invertire le aspettative e per farlo serve un intervento deciso e senza vincoli".

Padoan torna poi a parlare della discussa norma del 3% per gli evasori e quando gli si chiede se verrà riproposta il 20 gennaio spiega: "Io credo che sia giusto evitare che errori materiali che portano a sotto-dichiarare siano interpretati come reato e quindi comportino pene eccessive. Questo è un forte deterrente agli investimenti, soprattutto stranieri. Come si risolve il problema? Bisogna ragionare su un sistema di percentuali e di margini, dall'intreccio di questi due parametri può uscire un sistema equo. Tra una frode e un errore materiale, però, c'è una bella differenza".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata