Ue, Moscovici: Chiediamo a Italia correzione di 0,25 punti di Pil

Milano, 19 gen. (LaPresse/Finanza.com) - La correzione del deficit strutturale italiano nel 2015 deve essere pari allo 0,25% e non più allo 0,5%. Lo ha annunciato oggi Pierre Moscovici, commissario Ue per gli Affari economici e finanziari, spiegando che si tratta dell'effetto della nuova interpretazione delle norme del Patto di Stabilità e crescita in seguito alla comunicazione sulla flessibilità della scorsa settimana. "Ha applicazione immediata e la valutazione che la Commissione farà all'inizio di marzo del programma di bilancio 2015 ne terrà conto", ha spiegato Moscovici. "L'Italia beneficerà di tutte e tre le clausole della comunicazione" ovvero quella sulle riforme strutturali, quella sugli investimenti e quella sul ciclo economico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata