Ue, faro Antitrust su banche per sospetto cartello su derivati Euribor

Bruxelles (Belgio), 19 ott. (LaPresse/AP) - Alcune banche europee avrebbero organizzato un cartello per manipolare i tassi di interesse di prodotti derivati legati all'andamento dell'Euribor. E' il sospetto del garante per la concorrenza della Commissione Ue, che ha avviato delle ispezioni su alcuni istituti di credito. L'Antitrust europeo non ha reso note le identità delle banche finite sotto il suo faro. L'Euribor (Euro Inter Bank Offered Rate) è un tasso di riferimento, calcolato giornalmente, che indica l'interesse medio delle transazioni finanziarie in euro tra le principali banche europee.

Il tasso viene impostato da un gruppo di 44 banche. L'associazione di categoria degli istituti di credito, la Federazione bancaria europea (Fbe), che gestisce questa operazione, ha affermato di prendere atto dell'inchiesta "con serenità". Il direttore generale della Fbe, Guido Ravoet, ha spiegato che "non abbiamo nulla da nascondere. Noi assicuriamo la buona gestione dell'Euribor e teniamo l'indice sotto stretta sorveglianza. Operiamo in piena trasparenza e credo che il gran numero di banche che partecipano all'indicizzazione siano una garanzia contro possibili cartelli".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata