Ue: Con manovra più fiducia nell'Italia

Bruxelles (Belgio), 7 set. (LaPresse/AP) - La manovra annunciata dal governo italiano "può contribuire a rafforzare la fiducia nell'economia italiana in un momento critico". Lo ha detto il commissario europeo per gli Affari economici e finanziari, Olli Rehn, in una nota. "Le nuove misure annunciate ieri dal governo italiano confermano la determinazione dell'Italia a rispettare gli obiettivi di riduzione del deficit e del debito", ha aggiunto il commissario Rehn, apprezzando anche la decisione di introdurre nella Costituzione il principio del pareggio del bilancio perché "contribuisce ad assicurare una disciplina di bilancio su base permanente e mostra al mercato e ai partner dell'Italia l'impegno per delle finanze pubbliche sane". "Adesso - ha detto Rehn - mi aspetto una rapida adozione".

Il commissario spiega che "ciò che è particolarmente positivo è che i provvedimenti vanno oltre il consolidamento fiscale e affrontano alcune delle debolezze strutturali dell'economia italiana" che finora hanno impedito al Paese di trarre maggior beneficio dalla ripresa e di "ottenere una maggiore crescita e posti di lavoro, soprattutto per i giovani".

"Negli ultimi giorni - ha continuato Olli Rehn - ho incoraggiato le autorità italiane a proporre un pacchetto che garantisse il raggiungimento degli obiettivi di riduzione del deficit e del debito e che desse maggior peso alle misure per migliorare la crescita". Le misure proposte "rispondono a entrambe le sfide", dice Rehn. Il commissario ha inoltre ricordato di aver discusso venerdì con il ministro dell'Economia Giulio Tremonti e che entrambi avevano concordato che "una lotta determinata contro l'evasione fiscale rimane una componente importante per un pacchetto credibile, come sottolineato dal governo". Per Olli Rehn infine la lotta all'evasione è anche importante "per l'accettabilità sociale" delle misure di aggiustamento. "E' una questione di equità quando i cittadini si confrontano con la difficoltà del piano di austerità", ha concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata