Ue, a Ecofin non c'è consenso su tassa transazioni finanziarie

Breslavia (Polonia), 16 set. (LaPresse/AP) - "Non c'è consenso" in merito alla tassa sulle transazioni finanziarie. Così il commissario al Mercato interno dell'Unione europea, Michel Barnier, dopo l'incontro dei responsabili economici Ue a Breslavia, in Polonia. Ieri l'Ue non è riuscita a trovare l'accordo sulla nuova tranche del prestito alla Grecia. La decisione è stata rinviata a ottobre.

"Non siamo ancora arrivati - commenta il ministro delle Finanze del Lussemburgo Luc Frieden - dove un'unione monetaria dovrebbe essere e la crisi ha dimostrato che non basta avere regole comuni, queste devono essere applicate". Secondo il ministro delle Finanze del Belgio, Didier Reynders, "è meglio organizzare qualcosa a livello mondiale. Ma sarà impossibile, forse la imporremo soltanto nell'Unione europea; e se sarà impossibile per l'intera Unione europea, soltanto nella zona euro".

Il ministro delle Finanze della Polonia, Jacek Rostowski, sostiene che "se l'eurozona dovesse dividersi, è difficile immaginare che non si divida anche l'Unione europea". La Polonia non fa parte dell'eurozona e dopo anni di tentativi per entrare nel gruppo della moneta unica ha dichiarato che, almeno in questo momento, non vale la pena rischiare di lasciare lo zloty a favore dell'euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata