Ue-Usa, verso negoziati libero scambio, per Pil Europa +0,5% annuo

Bruxelles (Belgio), 13 feb. (LaPresse/AP) - Passi avanti per la creazione di un'area di libero scambio tra Unione europea e Stati Uniti. Il commissario Ue al Commercio, Karel De Gucht, ha spiegato che i colloqui potrebbero cominciare entro l'estate. Secondo Bruxelles l'accordo Ue-Usa sarebbe il più grande affare di commercio bilaterale mai negoziato e potrebbe aggiungere uno 0,5% annuo ulteriore al Pil Ue. "Non sarà facile - ha commentato il presidente della commissione Ue, Jose Manuel Barroso - ma un risultato sarebbe una vittoria per entrambi". Il presidente Usa, Barack Obama, il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, e lo stesso Barroso hanno sottolineato che con questa trattativa, gli Stati Uniti e l'Unione europea avranno la possibilità non solo di espandere il commercio, gli investimenti e gli appalti pubblici attraverso l'Atlantico, ma anche di contribuire allo sviluppo di regole globali che possono rafforzare il sistema commerciale multilaterale. Secondo Bruxelles gli studi dimostrano che l'onere di costi supplementari per l'assenza di una 'Transatlantic Trade and Investment Partnership' è equivalente a una tariffa supplementare pari a più del 10% e addirittura del 20% per alcuni settori, mentre i costi potrebbero scendere intorno al 4%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata