Ubi Banca, utile netto nove mesi a 149.8 mln, Cet1 sale al 13%

Milano, 12 nov. (LaPresse/Finanza.com) - Ubi Banca ha archiviato i primi nove mesi dell'anno con un utile netto consolidato a 149,8 milioni di euro, in significativa crescita rispetto ai 101,9 milioni dell'analogo periodo del 2013. L'utile consolidato al netto delle poste non ricorrenti si è attestato a 175,5 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 74,3 milioni dei primi nove mesi del 2013. In aumento del 2,9% i proventi operativi a 2.557,6 milioni di euro e del 6,6% il margine d'interesse a 1.376,3 milioni. Il gruppo conferma la solida patrimonializzazione con un Common Equity Tier 1 ratio "phased in" al 30 settembre 2014 al 13% dal 12,73% di giugno 2014. Il Total capital ratio "phased in" è stato pari al 18,09% dal 18,03% di giugno 2014.

COSTO CREDITO IN MIGLIORAMENTO. Nella nota sui risultati trimestrali, Ubi fornisce anche un outlook per fine anno, in cui si prevede che il "margine di interesse sarà influenzato dall'andamento dei volumi medi intermediati, dalla scadenza di titoli governativi nel 4° trimestre, che verranno sostituiti in maniera opportunistica, dai benefici degli interventi di repricing già attivati sul lato del passivo e dalla tenuta del rendimento degli impieghi a medio-lungo termine". Si prevede che le commissioni nette beneficino della consueta e positiva stagionalità che caratterizza l'ultima parte dell'esercizio. Si conferma l'attesa di una riduzione degli oneri operativi ricorrenti su base annua. Il rallentamento del flusso di nuovi crediti in default registrato nei primi 9 mesi dell'anno e le risultanze dell'Aqr consentono di confermare, su base annua, le attese di un leggero miglioramento complessivo del costo del credito in termini di valore assoluto rispetto al 2013.

IN BORSA. Ubi Banca apre in calo dopo i conti trimestrali. Il titolo quota infatti a 5,53 euro a -0,54%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata