Torino, 350 studenti dal mondo al Politecnico per forum su innovazione

Torino, 25 lug. (LaPresse) - Studenti, docenti e aziende che discutono e si aggiornano insieme sulle strategie e sui software più innovativi per lo sviluppo di prodotto in ambito automotive e, più in generale, nelle industrie ad alto contenuto tecnologico: il 'Pace' Global Forum, che sarà ospitato da Politecnico di Torino e General Motors Powertrain Europe dal 28 luglio all'1 agosto prossimi, vedrà gli oltre 350 partecipanti tra studenti e docenti di 64 tra le più prestigiose università del mondo impegnati in sessioni di aggiornamento e formazione con i rappresentanti delle principali aziende del settore.

Il Forum sarà inoltre l'occasione per l'evento conclusivo dell'iniziativa Pamd Competition 2014, una vera e propria gara nella quale si sfideranno 7 team di studenti (il Politecnico di Torino è a capo di un team di 5 università), che hanno lavorato per un anno ad un prototipo di veicolo portatile per la mobilità sostenibile, i cosiddetti Pamd ('Portable Assited Mobility Device'). Le squadre gareggeranno lungo un circuito appositamente preparato all'interno della Cittadella politecnica (con partenza dal cortile di GM) con il loro prototipo, che sarà valutato da una giuria di esperti sia per la prova, che per il progetto.

Il Pace Global Forum fa parte del programma globale PACE, attivo fin dal 1999: un'alleanza tra General Motors, Autodesk, HP, Oracle e Siemens PLM Software, attraverso la quale l'industria supporta alcune istituzioni accademiche in tutto il mondo - tra le quali il Politecnico di Torino, unica in Italia - fornendo loro a titolo gratuito software industriali, strumenti e training all'avanguardia del valore di milioni di euro. Lo scopo è quello di accrescere la competitività delle nuove generazioni di ingegneri, graphic designers e specialisti del settore automotive, che avranno dunque la possibilità di conoscere i principali applicativi del settore già nel periodo dell'università, acquisendo un'importante competenza direttamente spendibile sul mondo del lavoro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata