Tesoro Usa: "No impatto sistemico in Italia". Casa Bianca: "Monitoriamo"
La crisi politica ele turbolenze finanziarie del nostro Paese sotto osservazione anche negli Stati Uniti

Italia osservato speciale anche all'estero per la crisi politica e le turbolenze finanziarie dell'ultimo periodo. Anche il Tesoro statunitense ha puntato i riflettori sul nostro Paese, in vista dell'incontro previsto in settimana tra il segretario Steven Mnuchin e i suoi omologhi del G7, all'interno del quale la crisi italiana dovrebbe essere uno dei temi dominanti, insieme alle dispute statunitensi in ambito commerciale. 

"Non vedo alcun impatto sistemico", ha dichiarato un funzionario, che mantiene l'anonimato come previsto dalle regole base del Tesoro stesso, segnalando che il dipartimento sta monitorando da vicino gli sviluppi della situazione, ma non vede un immediato pericolo per la stabilità del sistema finanziario nel suo complesso. "Penso che sarebbe meglio se risolvessero le cose all'interno dell'eurozona senza fare cambiamenti significativi lì, e certamente gli italiani hanno l'opportunità di farlo", ha dichiarato ancora.

E Washington non è da meno. "Come abbiamo detto molte volte, vogliamo concentrarci sulla stabilità di lungo termine dell'economia, e continueremo a farlo. E continueremo a monitorare ciò che accade in Italia e in Europa", ha dichiarato invece la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, parlando ai giornalisti a bordo dell'Air Force One diretto a Nashville, in Tennessee. Inoltre, le è stato domandato se Trump ritenga che l'Italia debba rimanere all'interno dell'Eurozona: "In questo momento non ho una precisa politica dell'amministrazione su questo fronte, ma continueremo a monitorare che cosa accade laggiù".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata