Squinzi: Se Italia uscisse dall'euro, Pil calerebbe del 30%

Milano, 9 mag. (LaPresse) - "L'Europa così com'è non può funzionare" ma "è folle chi dice di voler uscire dall'euro. Se capitasse, abbiamo calcolato, ci sarebbe un arretramento del Pil del 30%". Così Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, nel suo intervento ad un convegno alla Bocconi di Milano.

"Sarebbe un passo indietro di 20-30 anni" ha aggiunto Squinzi, riportando i dati del centro studi di Confindustria.

Il dato, spiegano da Confindustria è stato ottenuto interrogando in queste settimane le principali banche italiane.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata