Slow Food presenta nuova guida del vino Slow Wine

Milano, 23 ott. (LaPresse) - La guida 'Slow Wine Storia di vita, vigne, vini in Italia' ha superato il test del primo anno, "il numero zero" come lo definiscono gli editori di Slow Food, e si ripresenta rinnovata nella sua veste grafica e nei contenuti. A presentarla oggi, alla Fiera di Rho-Pero sono stati i curatori Giancarlo Gariglio e Fabio Gaivedoni, insieme al presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese, a Marco Bolasco, ad di Slow Food Editore, al sommelier Luisito Perazzo, esperto del mercato milanese e al ricercatore e giornalista enologico Tiziano Gaia, che per sei mesi ha diretto la cantina del punto vendita Eataly a New York.

E soprattutto oltre 550 produttori con oltre 1000 etichette che si potranno degustare nel pomeriggio, mentre 300 osti e ristoratori parteciperanno domani alla presentazione della guida di Slow Food dedicata alle 'Osterie d'Italia'. "Le guide Slow Food hanno una differenza sostanziale rispetto alle altre - spiega Marco Bolasco, ad di Slow Food Editore - perchè non sono compilate da critici gastronomici ma da una readzione aiutata da centiaia di nostri associati che ci forniscono segnalazioni". E proprio per questo la guida anche quest'anno "da molto spazio al racconto" e vuole tracciare le "storie e le identità" dei vini e delle cantine "piuttosto che assegnare punteggi".

Una strada che due curatori Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni hanno abbracciato pienamente scegliendo di visitare tutti produttori recensiti e di premiare oltre ai vini anche le aziende. Le categorie che hanno previsto per seganlare i vini sono "grande vino", "vino slow" e "vino quotidiano". Le cantine sono state invece premiate con la chiociola di Slow Food, la bottiglia che indica che tutti i vini prodotti sono eccellenti e con la moneta, simbolo di ottimo rapporto tra la qualità del prodotto e il prezzo.

Quest'ultimo è "il premio del futuro - concludono - dato che le cantine italiane devono aprirsi sempre di più ad un mercato non solo legato al nostro paese ma anche all'esportazione". Per questo Slow Wine sarà anche un'applicazione per iPhone (presto anche in inglese), verrà pubblicata il 20 gennaio in Germania e si sta pensando ad un'edizione inglese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata