Sisma, continua sostegno di Fca e Fca bank a comunità colpite
Veicoli messi a disposizione per le esigenze logistiche e prestiti a condizioni agevolate

Proseguono le iniziative di Fca in aiuto alla popolazione colpita dal terremoto in Italia centrale. Da un lato con interventi immediati, per esempio mettendo a disposizione degli enti di soccorso una flotta di vetture e veicoli commerciali per esigenze logistiche e operative. Dall'altro lato contribuendo al rilancio delle attività commerciali e produttive. Infatti Fca Bank - la banca del Gruppo - sostiene tutti i titolari di partita Iva delle zone colpite, con la possibilità di accedere a un prestito per la ricostruzione fino a 50 mila euro. L'addebito della prima rata è previsto dopo sei mesi dalla sottoscrizione, con interessi a tasso zero per i primi due anni e un tasso nominale pari al 2,95% per i successivi tre, con spese d'istruttoria e gestione della pratica azzerate.

Inoltre, a chi volesse acquistare una nuova vettura o veicolo commerciale Fca, sarà offerta la possibilità di accedere ad un piano  rateale e leasing, con durata fino a 60 mesi, anticipo e interessi zero, e pagamento della prima rata dopo 180 giorni. Tra le altre iniziative avviate, Fca Bank e Leasys offrono la sospensione del pagamento delle rate e dei canoni per tutti i contratti di finanziamento, leasing e noleggio sottoscritti dagli abitanti dei territori interessati dal sisma. E non solo. Attraverso la Croce Rossa Italiana, Fca ha attivato una raccolta fondi fra  i propri dipendenti, impegnandosi a integrare la somma ottenuta.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata