Samsung rischia sorpasso da Apple su smartphone, giù utile dopo 3 anni

Seul (Corea del Sud), 29 gen. (LaPresse/Reuters) - Samsung Electronics sta per perdere il primo posto per vendite globali di smarthphone a favore di Apple. Il gigante sudcoreano ha reso noto che nel periodo ottobre-dicembre i guadagni dalla vendita di telefoni sono scesi del 64% su anno a 1,96 trilioni di won (1,8 miliardi di dollari), contribuendo in maniera decisiva al suo primo calo dell'utile in un triennio. Nell'ultimo trimestre dell'anno, Samsung è scivolata da 86 milioni a 74,5 milioni di dispositivi, mentre Apple è schizzata in avanti da 51 a 74,5 milioni per effetto principalmente del maggiore appeal dei suoi nuovi dispositivi a schermo grande, come Phone 6 e 6 Plus. Ora sono appaiate in testa alla classifica di vendite, come non accadeva dal 2011. Samsung ha visto nel quarto trimestre del 2014 l'utile netto calare del 27% a 5.350 mila miliardi di won coreani (pari a 4,34 miliardi di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. L'utile operativo è calato del 36% a 5.300 miliardi di won (4,3 miliardi di euro) a fronte della flessione dei ricavi dell'11% a 52.700 miliardi (42,71 miliardi di euro). Il dato si confronta con l'utile record di Apple nello stesso periodo, pari a 18 miliardi di dollari. "Penso che dopo questa dura lezione, Samsung ci farà vedere significativi miglioramenti in termini di desing, qualità di prodotto e altro", ha commentato un analista di Maybank Kim Eng, Warran Lau. Complessivamente le vendite globali di smartphone nel trimestre ottobre-dicembre sono salite del 31% a 380,1 milioni di unità, con il totale record per il 2014 di 1,3 miliardi. Dai dati preliminari diffusi oggi da Strategy Analytics emerge inoltre che la terza piazza del podio vede emergere Lenovo con una quota di mercato del 6,5% favorita dall'effetto positivo in scia all'acquisizione di Motorola Mobility. Su base annua il 2014 ha visto per Lenovo-Motorola un balzo a 92,7 milioni di unità, oltre 30 milioni in più rispetto al 2013.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata