Samsung, fornitrice cinese fa causa a ong per accuse lavoro minorile

Seul (Corea del Sud), 2 ott. (LaPresse/AP) - HEG Electronics, azienda fornitrice cinese di Samsung Electronics, ha intentato una causa legale contro il gruppo newyorkese China Labor Watch, accusandolo di aver diffuso informazioni false sul presunto sfruttamento del lavoro minorile da parte dell'azienda. Lo ha fatto sapere la stessa Samsung, precisando che il caso è stato depositato in un tribunale cinese da parte della compagnia che produce componenti per telefoni cellulari.

China Labor Watch aveva accusato HEG Electronics, che ha la sede nella provincia meridionale di Guangdong, di aver ingaggiato più di dieci lavoratori minorenni. Samsung ha fatto sapere che un'indagine condotta insieme a HEG e un'altra inchiesta, lanciata dalle autorità locali, non hanno confermato casi di sfruttamento di lavoro minorile, e ha chiesto a China Labor Watch di scusarsi con la società cinese. L'ong sostiene però di avere l'elenco dei nomi dei lavoratori minorenni e altre prove a sostegno delle accuse, e ha definito la causa avviata da HEG come un tentativo di rafforzare la propria immagine.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata