Matteo Salvini
Salvini contro il Mef: "I burocrati partoriscano i decreti per i truffati delle banche"

Il ministro degli Interni attacca quello dell'Economia: "Queste persone non possono più aspettare". Poi se la prende con chi, è nel governo per dire "dei no". Mimmo Lucano? "Decine di irregolarità". Poi parla dei Rom e della castrazione chimica

Salvini scatenato: attacca frontalmente i "burocrati del Mef" che non si decidono "a partorire" i decreti per i truffati delle banche, ribadisce che "chi è al governo per i no ha sbagliato compagni di viaggio" e continua a ritenere, nonostante la sentenza della Cassazione, che il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, abbia commesso "diverse irregolarità".

I burocrati del Mef  - "Sto aspettando come tanti italiani truffati. Noi abbiamo messo i soldi la burocrazia del Mef partorisca questi decreti attuativi perché la gente ha fretta". Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a margine di un evento a Confcooperative a Roma.  "I mutui non aspettano, le tasse non aspettano, quindi facciano in fretta", aggiunge. Come è noto il Ministero dell'Economia (e Tria in prima persona) non è disposto a fr uscire i decreti senza che ci sia una procedura di controllo su ogni singola pratica per verificare l'effettiva esistenza di una truffa e il danno subito, caso per caso. Poi, però, a una domanda diretta sul ministro Tria, frena: "Il ministro Tria sotto assedio? No, non mi sembra. Se ciascuno fa il suo lavoro non deve avere nessun timore".

I sì e i no - "Io sono al governo per i si' se qualcuno e' per i no ha sbagliato compagno di viaggio" dice Salvini rispondendo a una domanda sull'Autonomia per la quale bisogna andare avanti "velocemente".

Mimmo Lucano - "La decisione della Cassazione su Mimmo Lucano? Non commento i giudici".  risponde Salvini.  E poi: "Se gli devo chiedere scusa? Mi sembra che irregolarità ne siano state segnalate a decine".

"Stufo di spendere soldi per i rom" - "L'obiettivo 'zero campi rom' è qualcosa a cui stiamo lavorando e le periferie vanno trattate con amore, cura e attenzione. Chi si vuole integrare si integra, la casa la affitta, lavora, manda i figli a scuola, chi non si vuole integrare fa una scelta. Sono stufo di sprecare i soldi degli italiani per mantenere migliaia di rom che non fanno nulla dalla mattina alla sera se va bene, o che rubano se va male". Poi, riferendosi ai fatti di Torre Maura e ai panini calpestati, aggiunge: "La violenza non risolve mai nulla, per me il pane è sacro e non si tocca, ma ho visto anche tanto cittadini del quartiere protestare in maniera civile dicendo di avere già tanti problemi e non voler essere la discarica del Campidoglio".

"Pedofili e stupratori da curare" - "Io continuo a ritenere che stupratori e pedofili vadano arrestati e curati - ha detto Salvini, rispondendo a una domanda sulla castrazione chimica -  perchè uno che mette le mani addosso a un bambino e una donna ha degli evidenti problemi che vanno risolti anche con la medicina"

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata