Salini Impregilo, Salini: 2.500 assunzioni in Italia entro un anno

Milano, 12 nov. (LaPresse) - "Abbiamo bisogno di una crescita più forte, ma il Paese non si è fermato. Provvedimenti come lo Sblocca Italia, la Legge di Stabilità, la riapertura dei cantieri sono un fatto concreto". Così Pietro Salini, ceo di Salini Impregilo, intervistato da 'il Corriere della Sera', in merito alla politica del Governo sulle Infrastrutture. "Credo che il governo abbia capito che sono le infrastrutture a creare e spingere l'occupazione. Avere come obiettivo di mobilizzare il 2% del Pil, qualcosa come 36 miliardi di euro, in opere importanti per il Paese avrà riflessi significativi per stimolare ripresa e occupazione" spiega Salini che annuncia anche l'assunzione di 2.500 persone in Italia entro 12 mesi, di cui 100 ingegneri nei prossimi 3 mesi, all'interno di un piano complessivo di 15mila assunzioni globali, di cui 2.500 già fatte nel 2014 quando il gruppo è passato da 31mila a 33.500 addetti. Questo anche perché, spiega Salini, "nonostante la recessione gli investimenti globali nel settore delle costruzioni tra il 2008 e il 2012 sono cresciuti del 3% l'anno. E le stime indicano un altro 4% l'anno. Vogliamo perderci un mercato che vale 35,2 trilioni di dollari tra il 2013 e il 2017?".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata