Saccomanni stoppa piani tedeschi: Nessuna fretta su unione bancaria

Milano, 18 dic. (LaPresse) - In una lettera dello scorso 13 dicembre resa nota oggi dal Wall Street Journal, il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, dice no al piano tedesco di unione bancaria, che non prevede alcuna solidarietà tra i Paesi dell'Unione. La lettera inviata al presidente dell'Ecofin, Rimantas Sadzius. "L'obiettivo dell'Unione bancaria è rompere il legame tra banche e debito sovvrano" spiega Saccomanni, puntando ad una mutualità tra i Paesi per quanto riguarda il rischio, che porterebbe però ad un allineamento anche dei tassi per il credito, con conseguenti benefici per l'economia europea.

Ma per riuscirci, "non c'è bisogno di correre, ma di decidere con calma per dare all'unione bancaria gli strumenti necessari" ed un quadro legale stabile. Una visione opposta a quella di Wolfagnan Schauble, ministro dell'economia tedesca, che invece invoca un utilizzo di fondi straordinari da parte dei Paesi in difficoltà, senza mettere quindi in comune i rischi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata