Romani: Grave danno sottrarre risorse a Tlc con legge stabilità

Roma, 13 ott. (LaPresse) - Sottrarre le risorse arrivate dalle aste per le frequenze alla banda larga e alle Tlc rappresenta "un grave danno al settore e all'Italia". Lo afferma il ministro allo Sviluppo economico, Paolo Romani, sottolinenado che "i contenuti della nuova legge di stabilità riportati dalla stampa appaiono in evidente contrasto con quanto previsto circa la destinazione delle risorse della gara per le frequenze 4G, gestita nella sua totalità dal ministero".

Secondo Romani, "va evidenziato che il successo della gara 4G è stato determinato anche e soprattutto dal fatto che le società di telecomunicazione hanno formulato le proprie offerte nella consapevolezza normativa che una parte delle risorse sarebbe stata reinvestita nel settore Tlc". Romani conclude affermando che occorre "garantire, anche sul fronte delle Tlc, la continuità degli investimenti e della crescita".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata