Renault, possibile il richiamo di 700 mila auto per emissioni
La ministra dell'Ambiente, Segolene Royal, stamattina aveva parlato di circa 15mila veicoli ma il numero, a quanto pare, potrebbe essere molto più alto

La ministra dell'Ambiente, Segolene Royal, ha annunciato questa mattina alla radio francese Rtl che Renault dovrà richiamare più di 15mila autovetture, per adattare i livelli di emissioni. La Royal ha detto che non solo Renault ha superato i limiti, ma non ha indicato chi altri abbia infranto le regole. "I controlli dovranno riguardare le emissioni quando la temperatura ambientale è molto alta o sotto i -17 gradi - ha spiegato - perché in quelle condizioni l'impianto di filtraggio degli scarichi non lavora più". Il numero di auto richiamate da Renault potrebbe però essere molto più alto, fino a circa 700mila, per il mancato rispetto dei limiti alle emissioni inquinanti dei motori, in particolare per i livelli di ossido di azoto. Lo ha detto il chief competitive officer, Thierry Bolloré, sottolineando che le misure definitive saranno annunciate a marzo.

In un briefing presso la sede Reanult di Parigi, Bolloré ha spiegato ai giornalisti che le modifiche ai motori, che saranno svolte aggiornando un software, saranno disponibili per le ultime generazioni di motori Euro6 diesel. I controlli per le eventuali messe a norma dovrebbero partire a luglio.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata