Regno Unito, primo ritocco tassi BoE per gli analisti sono nel 2016

Milano, 21 gen. (LaPresse/Finanza.com) - La pubblicazione delle minute dell'ultima riunione della Bank of England e gli altri dati economici in uscita oggi in Gran Bretagna sono destinati a passare inosservati o quasi. Cancellati dall'attesa per la riunione della Banca centrale europea, domani, chiamata ad avviare il Quantitative easing targato Eurozona. In effetti il Regno Unito è diventato uno spettatore di quanto accade attorno. La Bank of England, che a inizio 2014 sembrava avviata verso il primo rialzo dei tassi di interesse, aspetterà invece che si posi la polvere sollevata dai tanti accadimenti negli ultimi mesi, nonché l'esito delle elezioni politiche che si terranno nel Paese a maggio.

"I due membri dissenzienti del Comitato di politica monetaria della BoE - commenta Michael Hewson, chief market analyst di CMC Markets - potrebbero aver lasciato cadere la loro richiesta di un rialzo dei tassi di interesse dello 0,25% a fronte di un continuo calo dell'inflazione. Il loro pronostico, ossia l'aumento della pressione salariale a fronte del calo della disoccupazione semplicemente non si è avverato. Anzi, l'inflazione sembra avviata a diventare negativa entro metà anno, trascinata dalla caduta dei prezzi del petrolio, dei generi alimentari e del gas. Uno scenario che rende poco probabile la prospettiva di un rialzo dei tassi di interesse prima del primo trimestre 2016".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata