Rcs, promotori Opa pronti ad altri sforzi
I soci storici pensano a mettere ulteriori risorse oltre ai 150 milioni di euro di aumento già previsti

Milano, 11 giu. (LaPresse) - I promotori della contro Opa su Rcs in concorrenza con l'Ops di Urbano Cairo considerano "di fondamentale  importanza anche l'implementazione di un'importante politica di investimento al fine di accelerare il processo di crescita del  gruppo, anche per linee esterne". Lo si legge nel prospetto dell'Offerta pubblica di acquisto promossa da Investindustrial di Andrea Bonomi, Mediobanca, UnipolSai, Pirelli e Diego Della Valle. L'obiettivo, spiega il documento è di "creare una piattaforma globale nel settore multimediale".

MEDIOBANCA GARANTE DI OBBLIGHI OPA. Mediobanca garantirà il pagamento degli obblighi legati all'Opa promossa dai soci storici su Rcs, si legge nel prospetto informativo. Piazzetta Cuccia, spiega il documento, "ha assunto irrevocabilmente l'impegno di erogare, in una o più soluzioni, a valere su una linea di credito vincolata a garanzia dell'esatto adempimento dell'obbligazione dell'offerente di pagare l'intero prezzo di tutte le azioni Rcs portate in adesione all'offerta, per il caso di inadempimento dell'offerente all'obbligo di pagamento del corrispettivo dell'offerta". La somma sarà "in contanti" e non eccedente l'esborso massimo complessivo" dell'Opa pari a 282,75 milioni di euro, "calcolato sulla base del corrispettivo pari a euro 0,70 per azione e assumendo che tutte le  azioni siano portate in adesione all'offerta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata