Rcs dimezza il rosso nel 2014, ricavi in calo a 1,28 miliardi

Milano, 11 mar. (LaPresse) - Rcs Mediagroup ha dimezzato il rosso nel 2014. Il risultato netto del gruppo editoriale, segnala una nota, mostra una perdita di 110,8 mlioni contro i 218,5 di rosso del 2013. I ricavi consolidati di Rcs nel 2014 sono calati a 1.279,4 milioni, dai 1.314,1 milioni dell'anno precedente, mentre l'Ebitda è stato positivo per 30 milioni contro il dato negativo per 83,4 milioni del 2013. Il flusso di cassa della gestione tipica è positivo, in miglioramento di 87 milioni dal 2013, mentre la posizione finanziaria netta è pari a -482,5 milioni, in calo di 36 milioni rispetto al 30 giugno 2014. "Il calo dei ricavi netti consolidati - sottolinea Rcs - è attribuibile principalmente alla cessione o sospensione di alcune testate periodiche no-core, nonché all'effetto delle cessioni di società e rami d'azienda".

GIÙ RICAVI AREA LIBRI. Nella nota sul bilancio 2014 approvato dal cda, Rcs dedica un ampio paragrafo al comparto libri, su cui pende l'offerta di Mondadori, che sarà valutato e sui cui deciderà il nuovo board eletto dall'assemblea del 23 aprile. I ricavi dell'area Libri si attestano a 222,6 milioni, in riduzione di 28,5 milioni (-11,4%) rispetto all'esercizio 2013, ma a perimetro omogeneo, la flessione dei ricavi si riduce a 4,5 milioni (-2%), evidenziando un incremento significativo dei ricavi digitali (+32%). Rcs Libri consolida la propria posizione di secondo operatore di mercato, raggiungendo la quota dell'11,8% a valore, in crescita del 4,8% rispetto al 2013, unico tra i grandi gruppi editoriali a vedere aumentare il proprio peso sul mercato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata