Rcs, Della Valle: A.d. inadeguato, affidare delega a Cairo

Roma, 24 feb. (LaPresse) - "Bisogna prendere atto che c'è un amministratore delegato assolutamente inadeguato". Lo ha detto il patron di Tod's, Diego Della Valle, ai microfoni di 'Radio 24', a proposito dell'a.d. di Rcs, Pietro Scott Jovane. "Per me esiste che questa azienda ha bisogno di cambiare in fretta", ha aggiunto Della Valle, "intanto nel Corriere di editore puro ce n'è uno che si chiama Cairo, io sarei dell'avviso, se lui se la sente, di affidargli la delega per gestire l'azienda". Per Della Valle, socio del gruppo editoriale al 9%, "oggi il problema di Rcs è che non c'è un azionariato che si prende delle responsabilità e un cda che non decide e non si assume i rischi. È un'azienda che va tutta rifondata". Della Valle, intervistato da Giovanni Minoli a 'Mix24', ha sostenuto di non avere "alleati" all'interno di Rcs "ma rapporti di stima con alcuni" e sul ruolo Giovanni Bazoli ha detto: "Bazoli contava molto. Oggi conta molto poco. Io credo che Bazoli identifica un mondo che se ne deve andare e mi auguro che Renzi lo faccia subito; Renzi deve fare piazza pulita ed è un'operazione che va fatta in tutto il sistema, tutto insieme". "Ferruccio de Bortoli? - ha proseguito il patron di Tod's - Ferruccio facesse il giornale che vuole, tirasse fuori il coraggio che serve, secondo me starebbe in pace con la sua coscienza. Prenda il coraggio di fare il giornale e vada tranquillo". Sulla vendita dell'immobile storico di Rcs di Via Solferino, Della Valle ha concluso spiegando che "il palazzo storico non andava svenduto, è stato svenduto", un'azione di responsabilità non la farà "su quest'argomento", ma "su tre o quattro cose: la stiamo valutando, non le posso rispondere ora, anche se io ho un'idea precisissima in merito".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata