DEurigon e Salvini alla conferenza stampa di presentazione di Quota 100
Quota 100, chi ha diritto può presentare la domanda all'Inps. Ecco come si fa

Il provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Sul sito dell'Istituto la procedura (telematica) per arrivare alla pensione cui si ha diritto

Chi ha diritto ad andare in pensione con quota 100 può cominciare a presentare la relativa domanda fin da oggi. Lo dice l'Inps sul suo profilo Twitter che porta a una circolare (firmata dalla direttrice generale Gabriella Di Michele) che spiega le procedure. La conferma arriva anche dal sottosegretario Claudio Durigon: "Da oggi il decreto è in vigore, grazie alla collaborazione dei dirigenti del ministero e all'Inps si può presentare la domanda per andare in pensione. Nel triennio quota 100 riguarda un milione di persone e "350mila donne - ricorda Durigon - La forza della Lega è stata quella di non mettere penalizzazioni quindi si andrà in pensione con i contributi versati".

 

La circolare dell'Inps parte dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4. "All’articolo 14, il decreto disciplina l’accesso al trattamento di pensione con almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi (cosiddetta “quota 100”). Il requisito per il diritto alla pensione anticipata è stabilito a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, per il periodo 2019-2026.

Prosegue la circolare: "Le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2018, un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e 59 anni, se lavoratrici autonome, possono accedere alla pensione anticipata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 1804 (cosiddetta opzione donna)".

Ed ecco le modalità di presentazione della domanda:(in attesa di ulteriori circolari esplicative): La domanda può essere presentata online ("in modalità telematica"). Ovviamente è necessario il Pin (rilasciato dall'Inps), o l'identità digitale (Spid) o la Carta Nazionale dei servizi. Si parte dal sito www.inps.it e dalla sezione “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”. Bisogna quindi scegliere (nel menù di sinistra) l'opzione "Nuova Domanda" e selezionare in sequenza: 
a) per la pensione quota 100: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Requisito quota 100”;
b) per la pensione anticipata: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Ordinaria”;
c) per la pensione anticipata (opzione donna): “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Contributivo sperimentale lavoratrici”.

In tutti e tre i casi, si deve quindi selezionare il Fondo e la Gestione di liquidazione.

La modalità di presentazione delle domande, sopra illustrata, è utilizzabile da parte dei lavoratori iscritti alle Gestioni private, alla Gestione pubblica e alla Gestione spettacolo e sport, anche al fine di chiedere, per la pensione quota 100, il cumulo dei periodi assicurativi.

La domanda può essere presentata anche per il tramite dei Patronati e degli altri soggetti abilitati alla intermediazione delle istanze di servizio all’INPS ovvero, in alternativa, può essere presentata utilizzando i servizi del Contact center.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata