Portogallo spaventa Borse, bond a 10 anni sopra 7%

Lisbona (Portogallo), 3 lug. (LaPresse/AP) - Salgono i tassi di interesse sui titoli di Stato del Portogallo per i timori sulla tenuta del governo guidato da Pedro Passos Coelho. L'indice principale di Borsa del Paese, PSI 20, è in picchiata del 6,4% a 5.177 punti nella tarda mattinata di scambi, mentre il rendimento dei bond decennali è schizzato al 7,39% sul mercato secondario dal minimo di 5,23% toccato a maggio, ma comunque al di sotto al livello del 9,77% a cui i tassi viaggiavano nel luglio dello scorso anno.

BARROSO: RISCHI DA INSTABILITA' "La reazione iniziale dei mercati dimostra il rischio evidente che la credibilità finanziaria recentemente costruita dal Portogallo potrebbe essere compromessa dall'instabilità politica attuale", afferma in una nota il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, commentando il balzo dei bond decennali del Portogallo sopra il 7 per cento sul mercato secondario dopo le dimissioni di due ministri. "La situazione - ha aggiunto - deve essere chiarita al più presto". Per Barroso l'instabilità politica "sarebbe dannosa soprattutto per il popolo portoghese, in particolare perché c'erano già primi segni di ripresa economica. Questa delicata situazione richiede un grande senso di responsabilità di tutte le forze e i leader politici". "Confidiamo - conclude il presidente della Commissione - nel fatto che la democrazia portoghese arrivi a una soluzione, garantendo che i sacrifici fatti finora dal popolo portoghese non siano vani".

BORSE SOTTO PRESSIONE L'intonazione rimane negativa per le principali Piazze finanziarie europee in scia all'effetto Portogallo. A metà seduta il Ftse 100 e il Cac40 cedono rispettivamente l'1,6% e l'1,68%, mentre l'Ibex35 lascia sul terreno oltre tre punti percentuali. Le vendite si abbattono anche su Piazza Affari, dove il Ftse Mib perde quasi il 2% a 15.069,46 punti. Crolla il mercato azionario di Lisbona con il principale indice Psi 20 che perde oltre il 5 per cento a 5.223,31 punti. "Riteniamo che solamente una decisione responsabile da parte dei vertici del CDS-PP potrebbe allentare le recenti tensioni. Difficile un possibile rimpasto di governo con l'entrata di partiti dell'opposizione" affermano gli esperti di Ig.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata