Pensioni, Ocse: Crisi sta mettendo a rischio sistema in tutto il mondo

Milano, 8 dic. (LaPresse) - La bassa crescita, i bassi tassi di interesse e la bassa redditività degli investimenti legati all'economia globale lenta, sono ora aggravati dai problemi legati ai sistemi pensionisti pubblici e privati, secondo un nuovo rapporto OCSE. L'outlook 2014 sulle pensioni infatti spiega come la crisi abbia spinto la maggior parte dei Paesi ad accelerare le riforme per rendere i loro sistemi pensionistici più finanziariamente sostenibili attraverso l'aumento delle tasse sui redditi da pensioni e sui contributi pensionistici, riducendo o rinviando l'indicizzazione delle prestazioni pensionistiche, e aumentando l'età pensionabile. "E 'incoraggiante vedere i progressi compiuti negli ultimi anni per rendere i sistemi pensionistici più sostenibili e adeguati", ha detto segretario generale dell'Ocse, Angel Gurría. "Ma il rapido cambiamento demografico in corso e il rallentamento dell'economia globale sottolineano la necessità di riforme continue. Dobbiamo comunicare meglio il messaggio che lavorare più a lungo e contribuire più è l'unico modo per ottenere un reddito dignitoso in pensione" aggiunge.

Aumentare l'età effettiva di pensionamento può aiutare ma sono necessari maggiori sforzi per assistere i lavoratori anziani a trovare e mantenere posti di lavoro. Le politiche pubbliche per ridurre la discriminazione basata sull'età, migliorare le condizioni di lavoro e aumentare le opportunità di formazione per i lavoratori anziani sono essenziali. I paesi hanno anche introdotto riforme per rafforzare le pensioni private a capitalizzazione. La relazione sottolinea l'importanza di aumentare i tassi di copertura in Paesi dove le pensioni a capitalizzazione sono volontarie. I programmi di auto-iscrizione sono riusciti ad aumentare la copertura nei paesi che li hanno sperimentati. La relazione chiede inoltre di rafforzare il quadro normativo per aiutare i fondi pensione ad affrontare l'incertezza intorno alle migliori aspettative di vita. I regolatori dovrebbero assicurarsi che i fornitori utilizzino tavole di mortalità regolarmente aggiornate, che incorporino i futuri miglioramenti nella mortalità e speranza di vita.

La mancata considerazione di tali miglioramenti può provocare una carenza di disponibilità di ben oltre il 10% delle passività pensionistiche e di rendita. I mercati dei capitali potrebbero offrire capacità aggiuntiva per la mitigazione del rischio di longevità, ma la trasparenza, standardizzazione e la liquidità degli strumenti di copertura del rischio devono essere facilitati. Il quadro normativo dovrà anche riflettere la riduzione dell'esposizione al rischio che questi strumenti offrono, assicurando che siano adeguatamente valutati dai principi contabili e abbassare il livello di capitale richiesto per gli enti di copertura il loro rischio di longevità. I giovani in particolare poi devono avere fiducia che la stabilità a lungo termine, nel sistema pensionistico e nella promessa di pensione. "Campagne di comunicazione e dichiarazioni pensionistici individuali per spiegare la necessità di una riforma e facilitare la scelta da parte sono necessarie persone" conclude l'Ocse.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata