Nobel Economia a statunitensi Alvin Roth e Lloyd Shapley

Stoccolma (Svezia), 15 ott. (LaPresse/AP) - Il premio Nobel per l'Economia è stato assegnato agli statunitensi Alvin Roth e Lloyd Shapley. L'Accademia reale svedese delle scienze ha scelto i due economisti per "la teoria delle locazioni stabili e i piani di mercato nell'ingegneria economica". Il Nobel per l'Economia è stato l'ultimo ad essere annunciato nel 2012. Roth ha 60 anni ed è professore alla Harvard University di Boston, mentre l'89enne Shapley è professore emerito alla University of California di Los Angeles. "Il premio di quest'anno riguarda un problema economico centrale: come abbinare diversi agenti nel miglior modo possibile", ha spiegato l'Accademia. Shapley ha dato un contributo teorico allo studio e Roth lo ha sviluppato ulteriormente applicandolo al mercato della sanità statunitense. L'Accademia ha chiarito ancora che "anche se questi due ricercatori hanno lavorato indipendentemente l'uno dall'altro, la combinazione della teoria di Shapley e delle indagini empiriche di Roth" ha generato "un fiorente campo di ricerca utile a migliorare le prestazioni di molti mercati". Lo scorso anno il Nobel per l'Economia è stato assegnato agli economisti statunitensi Thomas Sargent e Christopher Sims per gli studi sugli impatti dei cambi di policy su produzione, inflazione e occupazione che, secondo l'Accademia, "ha posto le basi della moderna analisi macroeconomica". Quello per l'Economia 'tecnicamente' non è un premio Nobel, perché a differenza delle altre cinque onoreficenze non è stato indicato da Alfred Nobel nel suo testamento. Il riconoscimento sull'economia è stato creato nel 1968 dalla Banca centrale svedese in memoria dell'ex industriale e inventore della dinamite. Ogni premio Nobel vale 8 milioni di corone svedesi, circa 920.000 euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata