Mps: Viola e Profumo sotto indagine atto dovuto
Le ipotesi sono di falso in bilancio e manipolazione del mercato

L'amministratore delegato di Monte dei Paschi, Fabrizio Viola, e l'ex presidente dell'istituto Alessandro Profumo sono sotto indagine per le ipotesi di falso in bilancio e manipolazione del mercato. Un portavoce di Mps ha spiegato che la decisione di aprire l'indagine arriva in seguito alla proposta avanzata da due azionisti e rifiutata dalla maggioranza durante l'assemblea di aprile. "I pubblici ministeri sono tenuti ad aprire un'indagine quando ricevono una denuncia", ha chiarito il portavoce, segnalando dunque che si tratta di un atto dovuto. Sempre secondo la fonte, l'indagine è iniziata a Siena e il fascicolo è stato quindi trasferito a Milano a luglio. I pm milanesi avrebbero ora 18 mesi per decidere se archiviare l'indagine o andare a processo.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata