Mps: Nel semestre risultato netto negativo per 380 milioni

Milano, 7 ago. (LaPresse) - Il risultato netto dei primi sei mesi 2013 di Mps è stato negativo per 380 milioni di euro rispetto ai 1.552 milioni di euro relativo ai primi sei mesi 2012. Il margine di interesse è in contrazione del 35,2% sul 2012 (-26,8% su basi omogenee) influenzato dagli oneri sui nuovi strumenti finanziari per circa 152 milioni di euro, dall'azione di sviluppo del funding e dal deleveraging creditizio finalizzato al riequilibrio patrimoniale/finanziario della banca. Positivo il contributo delle commissioni (+1,4% sul 2012, +2,1% su 2012 su basi omogenee), grazie al miglioramento delle commissioni dall'attività di gestione del risparmio (+22,7% su 2012). Oneri operativi in significativa riduzione -10,5% a/a (-3,3% la variazione rispetto al primo trimestre), con spese del personale in calo dell'11,8% sul 2012 e altre spese amministrative in diminuzione del 6,5% sul 2012. Costo del credito a 149 punti di base (138 punti base nel 1° trimestre e 188 punti base nel 2012), con rettifiche su crediti in aumento di 190 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012, in presenza di un ulteriore aumento delle coperture. Concorrono alla formazione del Risultato di periodo, pari a -380 milioni di euro, oneri per esodi del personale pari a 17,6 milioni di euro e accantonamenti per fondo rischi e oneri per circa 45 milioni di euro principalmente per cause legali/revocatorie. Al 30 giugno 2013 il margine della gestione finanziaria e assicurativa del Gruppo si è attestato a circa 2.189 milioni di euro, registrando una flessione del 13,2% sul 1° trimestre 2013 (circa 155 milioni di euro in meno) e del 22,1% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali il Core Tier 1 Ratio (comprensivo dei 4.071 milioni di Nuovi Strumenti Finanziari c.d. Monti Bond) è risultato pari all'11% (8,9% al 31 dicembre 2012); il Tier 1 Ratio all'11,7% (9,5% al 31 dicembre 2012 ) e il Total Capital Ratio al 16,4% (13,7% al 31 dicembre 20127). Le Rettifiche nette di valore per deterioramento di crediti sono pari a circa 1.029 milioni di euro (+22,7% su Giugno 2012), con un'incidenza del 2° trimestre 2013 pari a circa 545 milioni di euro (+12,5% sul trimestre precedente). Tale valore è da ricondurre sia all'evoluzione dei crediti deteriorati lordi (+1 miliardo di euro nel 2° trimestre 2013 circa), sia all'incremento dei livelli di presidio del rischio. Il rapporto tra le rettifiche di periodo annualizzate e gli impieghi verso clientela, nel quadro di una politica sempre rigorosa in termini di accantonamenti, esprime un tasso di provisioning di 149 bps, che si confronta con 138 bps del 1° trimestre 2013 e di 188 bps del 2012. Le Rettifiche di valore nette per deterioramento di attività finanziarie risultano negative per 22 milioni di euro circa (-116 milioni di euro circa a Giugno 2012; -10 milioni di euro circa nel 1° trimestre 2013) soprattutto per effetto di svalutazioni di partecipazioni e OICR classificati nel portafoglio AFS. Conseguentemente, il Risultato della gestione finanziaria e assicurativa si attesta a circa 1.138 milioni di euro (circa 1.856 milioni di euro a Giugno 2012; -38,7%), con un contributo del 2° trimestre 2013 di circa 460 milioni di euro (-32,1% sul trimestre precedente). Mps segnala poi un ulteriore incremento della copertura dei crediti deteriorati (già tra le più alte del sistema), che si attesta al 41,1%, (+70bps rispetto a Marzo 2013, +190bps rispetto a Giugno 2012) e delle sofferenze, pari al 58,1% (+20bps rispetto a Marzo 2013, +290bps rispetto a Giugno 2012). Dinamica in decelerazione per i volumi di crediti deteriorati (in aumento nel 2° trimestre 2013 di 358 milioni di euro rispetto all'aumento di 1.284 milioni di euro del 1° trimestre 2013). In particolare si segnala la riduzione delle esposizioni scadute (-254 milioni di euro, rispetto alla crescita trimestrale di +376 milioni di euro verificatasi nel 1° trimestre 2013) e dei crediti ristrutturati (-52 milioni di euro, rispetto ai -25 milioni di euro del 1° trimestre).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata