Monti: A Ecofin non si è parlato di Bce come prestatore ultima istanza

Bruxelles (Belgio), 30 nov. (LaPresse) - "Del ruolo di prestatore di ultima istanza della Bce non si è assolutamente parlato". Così il presidente del Consiglio, Mario Monti, al termine degli incontri avuti stamane dalla sede dell'Ecofin di Bruxelles. Monti ha aggiunto che "non c'è ancora chiarezza su ogni aspetto delle istituzioni finanziarie che l'Europa deve dispiegare meglio e a brevissimo termine per risolvere i suoi problemi". Il presidente ha ribadito la sua posizione sui trattati Ue. "Occorre - ha detto - esaminare con interesse se necessario modifiche dei trattati nella consapevolezza del percorso non semplice che le modifiche comportano" senza "sottovalutare ciò che già è stato deciso che va adeguatamente messo in atto". Su una governance Ue che preveda sanzioni automatiche per chi infrange le regole di bilancio, Monti ha affermato che "l'automatismo può essere cieco ma tende a essere più equo dell'esercizio della dicrezionalità. Credo che l'Italia possa benissimo facendo con serietà le cose necessarie affrontare un mondo di sanzioni più automatiche".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata