Milano, una slot machine gigante proiettata sul palazzo della Borsa

Milano, 23 gen. (LaPresse) - Una slot machine gigante proiettata sul sito della Borsa di Milano e accanto il messaggio "Affaristi, banchieri, finanzieri: una volta tanto giocate con i vostri soldi!". Questa la singolare iniziativa lanciata nel pomeriggio nel capoluogo lombardo da Paddy Power, bookmaker e operatore di gaming online di origine irlandese. L'operazione è durata qualche minuto, prima che le autorità intervenissero per rimuovere il tutto. "Il nostro obiettivo - spiega Alessandro Allara, direttore della comunicazione di Paddy Power - era sorprendere gli interlocutori e penso che la sorpresa ci sia stata. Si tratta di un messaggio un po' fuori dalle righe ma non gratuitamente provocatorio: raccogliamo un sentimento popolare e lo rappresentiamo nel cuore della finanza con un mesaggio che farà discutere".

L'iniziativa a Piazza Affari ha rappresentato anche il lancio ufficiale in Italia del casinò online di Paddy Power, sbarcato in rete prima di Natale, in cui le slot machine rappresentano il prodotto di punta. Un prodotto, spiega Allara, che fino al 3 dicembre era vietato ma che ora è diventato legale grazie alle recenti liberalizzazioni del governo. Il casinò online va ad affiancarsi all'attività di scommesse in rete che l'operatore irlandese aveva già lanciato in Italia. E già sono in cantiere nuovi progetti: il casinò live, cioè sempre online ma con dei croupier veri, in carne e ossa, che fanno girare la pallina ripresi da una webcam; e poi il mobile, con la piattaforma per rendere le scommesse disponibili anche sullo smarphone.

Paddy Power non è nuovo ad iniziative clamorose: nel passato non troppo recente, alcune azioni come l'ambush marketing di Nicholas Bendtner agli Europei di Calcio 2012 o la gigantesca insegna in stile Hollywood Sign eretta in occasione della corsa di cavalli di Cheltenham o il recentissimo 'Justice Payout' (se una partita viene falsata da errori arbitrali o evidenti ingiustizie è giusto pagare ogni giocata) applicato in occasione della partita Catania-Juventus.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata