Marchionne: Fiat resta in Italia, niente tagli né chiusure

Torino, 18 set. (LaPresse) - "Non ho parlato di esuberi, non ho proposto la chiusura di stabilimenti, non ho mai detto meglio andare via". Cos Sergio Marchionne intervistato da 'Repubblica' fa il punto sulla situazione del Lingotto dopo l'addio al piano 'Fabbrica Italia'. "La Fiat sta accumulando perdite per 700 milioni in Europa, e sta reggendo grazie ai guadagni negli Stati Uniti e Paesi emergenti" spiega Marchionne. Sulle critiche di Diego Della Valle al suo operato il manager è sprezzante: "Finché attaccano me nessun problema, ma lascino in pace la Fiat". Infine sui nuovi modelli tanto attesi Marchionne non cambia idea: "Con dei nuovi modelli lanciati oggi spareremmo nell'acqua".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata