Manovra, Bankitalia: Aumento spread ci è già costato 1,5mld in più

Roma, 9 nov. (LaPresse) - Una serie di cause, "non ultimo il conflitto con gli organi dell'Unione europea sul rispetto delle regole comuni", hanno "considerevolmente innalzato i tassi di interesse che la Repubblica paga sul proprio debito". E "questo aumento è già costato al contribuente quasi 1,5 miliardi di interessi in più negli ultimi sei mesi, rispetto a quanto si sarebbe maturato con i tassi che i mercati si aspettavano ad aprile; costerebbe 5 miliardi nel 2019 e circa 9 nel 2020, se i tassi dovessero restare coerenti con le attuali aspettative dei mercati". Così Luigi Federico Signorini, vicedirettore di Banca d'Italia, in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla legge di Bilancio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata