Liberalizzazioni, Federfarma: Serrata farmacie il 29 marzo

Roma, 22 mar. (LaPresse) - Federfarma ha proclamato una giornata di chiusura delle farmacie per il prossimo 29 marzo contro il decreto liberalizzazioni e ha convocato l'Assemblea nazionale per "adottare ulteriori iniziative di carattere sindacale". E' quanto si legge in una nota dell'associazione, che precisa che "sta assumendo iniziative legali a tutela delle farmacie associate". Federfarma critica il parere interpretativo del ministero della Salute su alcuni aspetti dell'art. 11 del decreto in vista dell'entrata in vigore della legge di conversione prevista per il 24 marzo. "Tale parere - spiega l'associazione - contiene varie forzature e incongruenze che stravolgono la volontà del Parlamento e che avranno un impatto negativo sul servizio farmaceutico. La forzatura più grave e di impatto immediato è che, secondo il ministero, tutti i titolari di farmacia che al momento dell'entrata in vigore della legge avranno compiuto 65 anni di età dovranno nominare un farmacista direttore. Sempre secondo il ministero, in caso di non ottemperanza la farmacia dovrà essere chiusa". L'associazione di categoria ritiene che questa interpretazione ignori le osservazioni delle Commissioni parlamentari di Camera e Senato. "Porre il limite di età di 65 anni per il titolare di farmacia - afferma Federfarma - appare del tutto controcorrente rispetto alla tendenza generale all'aumento dell'età pensionabile per tutti i lavoratori dipendenti e contiene elementi fortemente iniqui e penalizzanti nei confronti di chi sino ad oggi ha gestito una farmacia assumendo un insostituibile ruolo nello svolgimento di un servizio di pubblica utilità".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata