Lavoro, più controlli su co.co.pro e false partite Iva

Roma, 1 apr. (LaPresse) - Il ministero del Lavoro ha deciso di rafforzare i controlli "sull'utilizzo distorto delle tipologie contrattuali flessibili, per identificare quei casi nei quali il ricorso a specifiche tipologie contrattuali, in particolare i contratti di collaborazione a progetto e le partite Iva, maschera rapporti di lavoro subordinato". "Il ricorso a contratti di collaborazione a progetto o a partite Iva - sottolinea il titolare del dicastero del Lavoro, Giuliano Poletti - è legittimo quando sia giustificato da ragioni oggettive legate alle esigenze produttive ed organizzative delle aziende che vi ricorrono, non lo è quando viene fatto per mascherare un rapporto di lavoro subordinato e per evitare possibili contenziosi, sfuggendo agli obblighi previdenziali ed assistenziali verso il lavoratore che viene così a trovarsi in condizioni di precarietà, con scarse tutele e pressoché inesistenti prospettive di stabilizzazione". "Una prassi tanto più ingiustificata adesso - aggiunge il ministro - considerando che le modifiche apportate alla regolamentazione del contratto a termine rendono molto più agevole il ricorso a questa tipologia che mentre 'mette al riparo' l'imprenditore dal rischio di contenziosi garantisce al lavoratore le stesse tutele del contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato". "La stessa filosofia - prosegue Poletti - ha ispirato le modifiche al contratto di apprendistato per renderlo effettivamente lo strumento principale per l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro". La decisione del ministero del Lavoro, spiega una nota, "punta ad incrementare i risultati positivi già conseguiti nel 2013 con la 'riqualificazione' di 19.000 posizioni lavorative attivate con contratti di collaborazione a progetto e partite Iva, delle quali 15.495 nel settore dei servizi, 1.629 in quello industriale, 1.099 nell'edilizia e 165 in agricoltura".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata