Lavoro, Istat: Persi 727mila occupati tra under 30 dal 2008

Roma, 27 giu. (LaPresse) - Sono oltre 720 mila in meno gli under 30 occupati, a causa della crisi. Lo ha affermato l'Istat in un'audizione alla commissione Lavoro alla Camera. "Tra il 2008 e il 2012 gli occupati 15-29enni sono diminuiti di 727 mila unità (di cui -132 mila unità nell'ultimo anno) e il tasso di occupazione dei 15-29enni è sceso di circa 7 punti percentuali (-1,2 punti nell'ultimo anno) raggiungendo il 32,5%", ha spiegato l'istituto statistico. Nella ricerca di un impiego gli under 30 si affidano per circa il 77,6% "alla rete di amici, parenti e conoscenti", una quota cresciuta di quasi 4 punti percentuali rispetto al 2008. "Ciò non significa - precisa l'Istat - che si ricorra necessariamente a raccomandazioni, questo sistema può essere considerato anche semplicemente come una rete informale". Secondo l'istituto statistico da un calo del carico fiscale sul lavoro pari all'1% del Pil, 15 miliardi di euro o 2 punti di aliquota contributiva, "gli effetti sono quantificabili in circa 220 mila posti in più alla fine del 2015, concentrati tra le imprese di media e grande dimensione e nelle regioni settentrionali".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata