Lavoro, Istat: Disoccupazione vola al 13,2%, massimo storico

Roma, 28 nov. (LaPresse) - Il tasso di disoccupazione a ottobre balza al 13,2%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al mese predecente e di 1,0 punti a fronte del livello di un anno prima. E' quanto rileva l'Istat, specificando che si tratta del record storico, sia considerando l'inizio delle serie storiche mensili (gennaio 2004), sia quelle trimestrali (1977). Rispetto al mese precedente inoltre la disoccupazione aumenta sia per la componente maschile (+2,5%), sia per quella femminile (+2,9%). Anche in termini tendenziali il numero di disoccupati cresce sia tra gli uomini (+8,5%) sia tra le donne (+9,9%). Il tasso di disoccupazione maschile, pari al 12,4%, aumenta di 0,3 punti percentuali su base mensile e di 0,9 punti nei dodici mesi; quello femminile, pari al 14,3%, aumenta di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,1 punti su base annua.

A OTTOBRE DISOCCUPATI A 3,4 MLN, TOP DA 2004 - A ottobre, rende ancora noto l'Istat, il numero di disoccupati è salito a 3 milioni e 410 mila, in aumento del 2,7% rispetto al mese precedente (+90 mila) e del 9,2% su base annua (+286 mila). Si tratta del livello più alto dall'inizio delle serie storiche (2004).

DISOCCUPAZIONE GIOVANI SALE AL 43,3% A OTTOBRE - Dati negativi anche per quanto riguarda il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni), che è pari a ottobre al 43,3%, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,9 punti nel confronto tendenziale. I disoccupati tra i 15 e i 24 anni in cerca di lavoro sono 708 mila, pari all'11,9% di popolazione in questa fascia d'età, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,7 punti su base annua. giovani in cerca di un impiego sono aumentati di 5 mila unità in un mese e di 38 mila in un anno. Inoltre il numero di giovani inattivi, sottolinea ancora l'Istat, è pari a 4 milioni 338 mila, in aumento dello 0,3% nel confronto congiunturale (+11 mila) e in diminuzione dell'1,2% su base annua (-53 mila). Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 72,6%, aumenta di 0,2 punti percentuali nell'ultimo mese mentre cala di 0,4 punti nei dodici mesi. Il tasso di occupazione giovanile, pari al 15,5%, diminuisce di 0,3 punti percentuali sia rispetto al mese precedente sia rispetto a dodici mesi prima. A ottobre risultano occupati 928 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in diminuzione dell'1,7% rispetto al mese precedente (-16 mila) e del 2,3% su base annua (-22 mila).

A OTTOBRE 22,374 MLN OCCUPATI, -55MILA IN UN MESE - A ottobre gli occupati in Italia sono 22 milioni 374 mila, 55 mila in meno (-0,2%) rispetto al mese precedente e sostanzialmente stabili su base annua. Il tasso di occupazione si attesta al 55,6%, in flessione di 0,1 punti percentuali in termini mensili mentre aumenta di 0,1 punti rispetto a dodici mesi prima. A ottobre, evidenzia ancora l'istituto statistico, l'occupazione diminuisce su base mensile per effetto del calo della componente maschile (-0,4%) mentre rimane stabile la componente femminile. Su base annua l'occupazione diminuisce tra gli uomini (-0,4%) mentre aumenta tra le donne (+0,5%). Il tasso di occupazione maschile, pari al 64,6%, diminuisce di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,2 punti su base annua. Quello femminile, pari al 46,8%, rimane stabile in termini congiunturali mentre aumenta di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima.

A OTTOBRE -365MILA INATTIVI SU ANNO (-2,5%) - Un dato positivo però c'è: il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce a ottobre dello 0,2% rispetto al mese precedente (-32 mila) e del 2,5% rispetto a dodici mesi prima (-365 mila). Il tasso di inattività si attesta al 35,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,8 punti su base annua. In termini mensili, sottolinea l'Istat, il numero di inattivi aumenta per la componente maschile (+0,3%) mentre diminuisce per quella femminile (-0,5%). Su base annua l'inattività diminuisce sia tra gli uomini (-2,4%) sia tra le donne (-2,6%).


DISOCCUPAZIONE III TRIM. SALE ALL'11,8%, SUD AL 19,6% - Il tasso di disoccupazione nel terzo trimestre del 2014 è pari all'11,8%, in crescita di 0,5 punti percentuali su base annua. Dall'Istat fanno sapere che l'indicatore è pari all'11,0% per gli uomini e al 12,9% per le donne e che aumentano ancora i divari territoriali, con l'indicatore pari al 7,8% nel Nord (+0,2 punti percentuali), al 10,7% nel Centro (+0,5 punti) e al 19,6% nel Mezzogiorno (+1,1 punti).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata