Lavoro, a luglio 135mila contratti in più, crescono i contratti a tempo indeterminato

Roma, 25 ago. (LaPresse) - Crescono i contratti di lavoro a luglio. Il saldo fra le attivazioni e le cessazioni, infatti, è pari a 135.417. Lo rende noto il ministero del Lavoro nella consueta nota flash sulle attivazioni e cessazioni di tutti i rapporti di lavoro, al netto dei settori domestico e della Pubblica Amministrazione. Nel mese di luglio 2015, in particolare, il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro è pari a 767.168. Di questi 137.826 sono contratti a tempo indeterminato, 534.215 sono contratti a tempo determinato, 21.172 sono contratti di apprendistato, 25.111 sono collaborazioni e 48.844 sono le forme di lavoro classificate nella voce 'Altro'.

Per quanto riguarda invece le cessazioni di rapporti di lavoro, nel mese di luglio 2015 sono state 631.751. Di queste, 137.779 fanno riferimento a contratti a tempo indeterminato, 390.141 a tempo determinato, 13.387 sono relative a contratti di apprendistato, 48.233 a collaborazioni e 42.211 a forme di lavoro classificate nella voce 'Altro'. Le trasformazioni di rapporti di lavoro a tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato sono state 27.328, erano 21.429 nello stesso periodo del 2014.

Crescono le attivazioni di contratti a tempo indeterminato nei primi sette mesi dell'anno. Da gennaio a luglio la variazione è del 30,5% rispetto allo stesso periodo del 2014. Le attivazioni di contratti a tempo indeterminato, infatti, hanno superato il milione, attestandosi a 1.084.461, contro le 830.788 attivazioni dello stesso periodo del 2014. Crescono del 2,35 quelle a tempo determinato mentre calano apprendistato (-13,8%) e contratti di collaborazione (-15%). L


© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata