La nuova mappa dell'azionariato Unicredit dopo l'aumento: Capital Research primo socio, fondazioni diluite
(Finanza.com)

Tutto secondo le attese. La nuova geografia dell'assetto azionario di Unicredit è quella che già era stato possibile tracciare nei giorni scorsi sulla base delle comunicazioni Consob e delle dichiarazioni d'intenti dei protagonisti.

Il fondo Usa Capital Research and Management, come già annunciato, è salito al 5,4% del capitale della banca, ed e' ora il primo socio di Piazza Cordusio, mentre si riduce il peso specifico delle fondazioni bancarie.

E' quanto emerge dalla lista aggiornata dei maggiori azionisti di Unicredit al termine dell'aumento di capitale. L'elenco, che raccoglie tutte le posizioni superiori al 2% del capitale ordinario, è stato pubblicato sul sito internet del gruppo.

Alle spalle di Capital Research, incalzano Mediobanca al 5,247% (di cui il 5,020% di possesso con vincolo di usufrutto a favore UniCredit), il fondo emiratino Aabar al 4,99% e la Banca Centrale libica al 4,98 per cento.

E' invece diluita, al 2,59%, la quota della Lybian Investment Authority, così come ridotta è, nel complesso, la quota riferita alle Fondazioni. Fondazione Cassa di Risparmio Verona si posiziona al 4,211%, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino al 3,319%, Carimonte al 2,910%.

Tra gli investitori istituzionali, Blackrock si attesta al 3,107% e il gruppo Allianz al 2,034 per cento.

Da rilevare che parte della quota del primo azionista Capital Research, per la precisione il 4,022%, è detenuta per conto di EuropeanPacific Growth Fund.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata