La Lituania entra oggi nell'euro: è il 19esimo Paese dell'area

Vilnius (Lituania), 1 gen. (LaPresse/Xinhua) - Allo scoccare della mezzanotte, la famiglia dell'euro ha abbracciato la Lituania che è diventata così il 19esimo Paese a usare la moneta unica europea. "L'euro sarà una garanzia della nostra sicurezza economica e politica. Ci permetterà di sviluppare più rapidamente un'economia sana, che crei nuovi posti di lavoro e aumenti il reddito delle persone", ha detto il primo ministro Algirdas Butkevicius, citato dall'agenzia di stampa Elta, durante la celebrazione dell'importante traguardo. In una cerimonia a Vilnius, il capo del governo ha simbolicamente ritirato 10 euro al bancomat poco dopo l'inizio del nuovo anno. "Credo fortemente - ha aggiunto - che la Lituania renderà più forte la famiglia dell'euro. Noi siamo la punta di diamante della crescita economica".

Alle celebrazioni ha preso parte anche il primo ministro estone Taavi Roivas che a sua volta ha effettuato il prelievo. "Unirsi all'eurozona - ha detto - è una vittoria non solo per la Lituania. È una vittoria anche per l'Estonia, la Lettonia e per l'intera eurozona". La circolazione della moneta unica evidenzia la sempre maggiore integrazione della Lituania nell'Unione europea, a cui si è unita nel 2004. Gran parte della popolazione ha accolto il passaggio dal litas all'euro con favore. Butkevicius, al governo da dicembre 2012, aveva annunciato nel gennaio 2013 che il Paese avrebbe cercato di entrare nell'euro a partire dal 2015.

Negli ultimi giorni del 2014, la Banca centrale lituana ha inviato ad almeno 3,5 milioni di persone sms con informazioni sull'entrata dell'euro e sul tasso di cambio. I litas potranno essere cambiati in euro gratuitamente in tutte le banche lituane per almeno sei mesi. Tuttavia, alcuni lituani hanno già avuto la possibilità di utilizzare le nuove monete durante i viaggi in Europa. Nelle scorse settimane la Banca centrale ha offerto in vendita degli starter kit di euro, per far conoscere agli abitanti del Paese la nuova valuta.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata