L'Ue partorisce l'accordo sull'unione bancaria. Ma la Germania strappa rinvio della sua piena operatività
(Finanza.com)
La prima giornata del Consiglio Europeo, che ha visto la discussione protrarsi fino alle ore piccole della notte, ha portato a una conferma degli impegni presi lo scorso giugno in tema di supervisione bancaria unica. Nonostante l'emergere di forti divergenze tra Francia (spalleggiata dall'Italia) e Germania, alla fine il consiglio dei 27 Paesi membri ha partorito una soluzione di compromesso sulla vigilanza bancaria unica da parte della Bce: entro fine anno Consiglio Ue e Parlamento europeo saranno chiamati ad approvare il testo legislativo. La piena operatività del nuovo sistema di vigilanza partirà successivamente, una volta completato l'iter e quando la Bce sarà pronta per il nuovo compito. Il nuovo sistema destinato a spezzare il legame tra banche e governi entrerà in vigore quindi gradualmente nel corso del prossimo anno e coinvolgerà tutte le 6000 banche dell'area dell'euro a partire dal 1 gennaio 2014.

La supervisione potrà probabilmente essere effettivamente operativa nel 2013 consentendo al fondo di salvataggio europeo di dare le risorse direttamente alle banche", ha dichiarato ai giornalisti il presidente dell'Unione Europea Herman Van Rompuy dopo la riunione.
 
(notizia in aggiornamento)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata