Jobs act, Cisl: Testo ancora migliorabile sui licenziamenti collettivi

Roma, 26 dic. (LaPresse) - "Per la Cisl il testo del governo sul Jobs act è ancora migliorabile, in particolare per quanto riguarda le norme sui licenziamenti collettivi. Noi insisteremo anche che nei prossimi decreti si riducano le tipologie contrattuali che in questi anni hanno generato le maggiori precarietà del lavoro". Lo sottolinea in una nota il segretario confederale della Cisl, Gigi Petteni, responsabile del mercato del lavoro. "Come Cisl - aggiunge - non faremo mancare la nostra azione propositiva sulla riforma degli ammortizzatori e soprattutto sulle politiche attive del lavoro che sono la vera sfida del paese. E' certamente positiva l'estensione dell'Aspi ai collaboratori, portandola a 24 mesi, come aveva sostenuto la Cisl in queste settimane. Importante è non aver toccato il reintegro in caso di licenziamenti disciplinari e non aver inserito nel Jobs act le norme sullo scarso rendimento del lavoratore". "E' evidente - conclude Petteni - che non basteranno queste nuove norme sul mercato del lavoro a creare più occupazione e sviluppo nel Paese. Servirà ora un patto sociale tra governo e parti sociali per favorire un grande piano di investimenti pubblici e privati, abbassare le tasse a lavoratori e pensionati e imprese che assumono e investono in innovazione e ricerca, energia pulita a basso costo, infrastrutture materiali e immateriali".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata