Italia ultima nell'Eurozona, Fmi taglia le stime del Pil

Italia fanalino di coda dell’Eurozona secondo l’Fmi. Il prodotto interno lordo del Belpaese crescerà infatti dell’1,2% nel 2018 e dell’1,0% nel 2019 dopo il +1,5% del 2017. Restano quindi invariate le stime di crescita rispetto all’aggiornamento del World Economic Outlook di luglio. Rispetto ad aprile 2018, invece, le previsioni sono state viste al ribasso di 0,3 punti percentuali per quest’anno e di 0,1 punti per il prossimo. Come spiega il Fondo Monetario, la revisione al ribasso rispetto ad aprile è legata al "deterioramento della domanda esterna e interna e all’incertezza sull’agenda del nuovo governo"