Istat: Saldo non energetico export 2011 cresce di 16,5 miliardi

Roma, 15 nov. (LaPresse) - A settembre il disavanzo commerciale è di 1,8 miliardi di euro, pari a circa la metà di quello di settembre 2010 (-3,7 miliardi) stando ai dati diffusi dall'Istat. Nel corso dell'anno il deficit ha raggiunto 23,1 miliardi, in aumento rispetto allo scorso anno (-21,1 miliardi). Tuttavia, nello stesso periodo, il saldo non energetico (+22,1 miliardi) risulta in aumento sul 2010 (+16,5 miliardi). A settembre i raggruppamenti principali di industrie più dinamici sono stati i prodotti energetici all'import (+19,8%) e all'export (+22,9%), i prodotti intermedi all'export (+12,8%) e i beni di consumo non durevoli (+10,8% all'export e +8,1% all'import). La crescita dell'export a settembre è trainata dalle vendite di metalli di base e prodotti in metallo verso Svizzera e Francia, e di mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) verso Francia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata